Luoghi dell' Infinito > Taccuino > Riscoprire Remo Bianco

Riscoprire Remo Bianco

Oltre settanta opere per ripercorrere le ricerche di un infaticabile sperimentatore: Remo Bianco (1922-1988). Milano negli anni del boom  e le frequentazioni con Filippo de Pisis, ricoverato dalla fine del 1949  in clinica a Brugherio, fanno da sfondo all’arte solitaria di Bianco.  Dalle prime Impronte ai Sacchettini, dalle opere tridimensionali  ai Tableaux Dorés, fino ai Quadri parlanti della metà degli anni ‘70. Calchi in gesso, dripping e collages che rappresentano il segno di un’epoca. “Remo Bianco. Le impronte della memoria”, a cura di Lorella Giudici. Milano, Museo del Novecento, piazza Duomo 8. Fino al 5 ottobre. Catalogo Silvana. Informazioni: museodelnovecento.org/it.​